T.A.F.TRANS AQUARIUM FISH


Vai ai contenuti

Gli errori piu' comuni

I nostri redazionali

In 30 anni di carriera nel settore dell'acquariologia, ho visto moltissime volte, persone appassionarsi all'acquario e commettere alcuni errori che poi rischiano di avere conseguenze pericolose sulla vita dell'acquario stesso.

L'errore piu' comune di chi si avvicina a questo mondo e acquista una vasca e' quello di voler a tutti i costi battere i tempi: sarebbe il sogno di chiunque acquistare un acquario ed il giorno stesso riempirlo con l'acqua, i pesci e le piante in una volta sola …. La fretta come sempre pero' e' una cattiva consigliera che non porta mai da nessuna parte. L'acquario e' un ecosistema basato su un equilibrio biologico: una volta che si e' montato e riempito di acqua, occorre lasciar maturare , il filtro e' ancora sterile ed ha bisogno del giusto tempo per riuscire a lavorare correttamente per smaltire le sostanze di rifiuto prodotte dagli abitanti della vasca.
Quindi inserire tutti insieme i pesci diventa oltremodo pericoloso per la loro vita, il tasso d'inquinamento dell'acquario salirebbe in maniera velocissima diventando mortale.
Il filtro va quindi fatto maturare lentamente, inserendo pochi pesciolini alla volta permettendo cosi alla flora batterica insediata sul materiale filtrante di smaltire le sostanze organiche.

Come gia' detto nei mesi precedenti, per facilitare questo compito si possono aggiungere particolari prodotti liquidi o in altra forma,presenti in commercio che altro non sono che batteri che vanno ad aiutare quelli gia' presenti in vasca. Questa operazione non consente comunque pero' di inserire troppi animali in una volta sola.

Un altro errore molto comune e' quello di inserire all'interno della vasca solo piante finte perche' cosi' danno meno lavoro…. Non c'e' niente di piu' sbagliato: le piante non hanno solo una valenza estetica, l'acquario infatti e',come detto sopra, un ecosistema chiuso che puo' funzionare solo con alla base un equilibrio biologico e questo va trovato cercando il giusto rapporto tra pesci e piante.

Naturalmente, gran parte degli errori si potrebbero evitare affidandosi ai giusti operatori del settore che guidati dalla passione prima di tutto,sappiano dare consigli e giuste dritte per rendere piu' semplice l'avvio dell'acquario. Molte volte, per inesperienza, si finisce per affidarsi a persone poco scrupolose il cui unico scopo e' quello di vendere qualche prodotto o pesciolino in piu'.

Molte volte ci si fida ciecamente dell'amico acquariofilo o negli ultimi anni si prende come oro colato, tutto quello che circola sul Web, ma anche in questo caso occorre distinguere : non tutto quello che si trova su internet e' verita' assoluta, l'ideale e' quindi farsi una propria esperienza; cercando notizie e informazioni da piu' fonti, scegliere il negoziante di fiducia basando la propria scelta non solo sul prezzo ma sulla preparazione della persona e sulla passione che questi riesce a trasmettere.

La scelta di accogliere un acquario in casa va quindi fatta in maniera consapevole, valutata in maniera scrupolosa al pari dell'acquisto di un altro animale,come cane o gatto. E' infatti vero che l'acquario comporta meno tempo e impegno da dedicare ma e' comunque un mondo che ospitera' degli animali vivi che devono essere rispettati in quanto tali.
I pesci da ospitare vanno scelti con cura, cercando di rispettare il piu' possibile quelli che sono gli ambienti naturali dove questi vivono, mischiare pesci provenienti da aree diverse solo basando la scelta su criteri estetici e non rispettando le loro esigenze e' quanto di piu' sbagliato si possa fare, si creerebbe uno stress negli animali che non porterebbe a nulla di buono…. L'acquario e' un ecosistema vivente e non un quadro da scegliere in base all'arredamento della casa….


Torna ai contenuti | Torna al menu